La seconda vita di Android

Gli smartphone sono sempre più potenti, così ci troviamo da un anno all'altro a maneggiare un terminale che funziona benissimo ma la parte multimediale risulta carente . Così mettiamo sulla mensola il vecchio terminale e ci precipitiamo a comprare un modello al passo con i tempi. Eppure il telefono funziona benissimo, magari potremmo usarlo come lettore mp3, come memoria esterna (in qualche caso) e in altri modi che andrò ad elencare tra poco.

Il primo riutilizzo che sottopongo alla vostra attenzione è la webcam. Il “muletto” che usiamo a casa per navigare e stampare qualche documento facilmente è sprovvisto di webcam. Possiamo ovviare a questo fastidio con Droidcam. Installiamo dal market l'app gratuita e poi installiamo sul nostro pc il client. Ovviamente consiglio di installare la versione Gnu/Linux seguendo le istruzioni riportate qui, ma esiste anche la versione Windows, che trovate invece a quest'altro indirizzo. Sincronizziamo l'app con il software aggiungendo IP, metodo connessione e quant'altro e il gioco è fatto.

Aggiungo qualche veloce esempio pratico per rivitalizzare il soprammobile android.

Access Point portatile:

il modem è una parte molto funzionale del nostro smartphone, perchè lasciarlo inutilizzato?

Se andiamo in vacanza in qualche posto che non sappiano esser servito da wi-fi, possiamo ovviare così!

Attiviamo una sim con una promozione internet flat che fa al caso nostro, dopodichè installiamo Barnacle WiFi o altri tipo Wireless Tether for Root Users in maniera da usufruire da utenti root del nostro nuovissimo router wifi. Così facendo il nostro smartphone farà egregiamente il suo lavoro senza sprecare batteria e risorse del nostro cell principale e senza installare software di chiavette internet che non sempre si installano benissimo (su certe distro Gnu/Linux).

Ultime due applicazioni che vi segnalo: Computer di bordo e antifurto GPS.

Dotazione hardware ulteriore, braccio con ventosa porta-Android e caricabatterie da auto. Per la dotazione software invece ci serve: una Dashboard tipo Car Home di Google o DashBoard ADV di Nidus Network; poi un software che ci controlli i percorsi, la vel max, il consumo di carburante quindi installiamo ad esempio Garmin Mechanic oppure per i maniaci aCar (tra gli altri). Indispensabili per essere completo come computer di bordo serve ancora un navigatore offline (ce ne sono tanti, segnalo tra i gratuiti Sygic e anche Ndrive ) e il rilevatore velox, per i più..distratti!! Radardroid andrà bene.

Infine anche l'antifurto GPS. Serve una sim con almeno 10 € e una batteria nuova. Ammetto che è un pochino scomodo ogni tot giorni dover ricaricare il terminale, ma se lasciamo la macchina in posti occasionali magari qualche volta potremmo utilizzare questa soluzione: mettiamo sullo smartphone un software tipo WatchDroid Lite . Poi WatchDroid ci aggiorna con le coordinate rispondendo ad un nostro sms di richiesta posizione, oppure anche su Google Maps con app per il controllo remoto come ad esempio Remote Android tra gli altri. Quest'ultima soluzione può costare qualcosa nel traffico internet, ma abbiamo il controllo del terminale in maniera più efficace.

 

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.